IL TURISMO: PORTA APERTA PER LE DONNE

CITTA’ DEL VATICANO, 27 SET. 2007 (VIS). Questa mattina è stato reso pubblico il testo di una Lettera che il Cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone ha inviato al Segretario Generale dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, Dottor Francesco Frangialli, in occasione della celebrazione della Giornata Mondiale del Turismo, (27 settembre), sul tema: “Il turismo: porta aperta per le donne”.

  Il Cardinale Segretario di Stato ricorda che secondo i dati statistici più recenti diffusi dalla O.M.T., circa il 46% della forza lavoro dell’industria turistica mondiale è femminile.

  “Nonostante questa massiccia e funzionale presenza femminile, persiste in molti casi” – scrive il Porporato – “la segregazione verticale della donna dalla gestione dirigenziale e dalla responsabilità manageriale del turismo. La causa di tale fenomeno negativo è da ricercarsi nei forti pregiudizi che fanno ancora persistere stereotipi e tradizionali attribuzioni di ruoli subalterni secondo il genere. E questo vale ovunque, ma particolarmente in quelle parti del mondo dove la considerazione morale, culturale e civile della donna la pone in condizione di minorità e di forte ingiustizia”.

  Il Cardinale Bertone sottolinea ancora che dal responsabile impegno “di tutela e di promozione della donna anche ogni turista, a qualsiasi religione, classe sociale o continente appartenga, deve sentirsi in coscienza interpellato: nessuno può considerarsene esonerato! A tal fine, bisogna operare per un’effettiva uguaglianza dei diritti delle donne, garantendone la parità nel lavoro, la libertà religiosa, il rispetto delle esigenze connesse con la maternità, la corresponsione di un salario equamente retributivo”.

  “Va favorito concretamente il diritto allo studio e alla qualificazione professionale della giovane e della donna” – ribadisce ancora il Segretario di Stato – “combattendo con una legislazione positiva e concorde ogni forma di ingiusto sfruttamento del suo genere e di indegna mercificazione del suo corpo. È doveroso infatti denunciare lo scandalo intollerabile di certo turismo sessuale che umilia le donne riducendole in una situazione di pratica schiavitù”.

  “Nel messaggio per la Giornata Mondiale della Pace di quest’anno, il Santo Padre” – ricorda il Cardinale Bertone – “ha denunciato la non sufficiente considerazione per la condizione femminile ‘come portato di divisioni antropologiche persistenti in alcune culture, che riservano alla donna ancora una collocazione fortemente sottomessa all’arbitrio dell’uomo, con conseguenze lesive per la sua dignità di persona e per l’esercizio delle stesse libertà fondamentali’ (n.7). Solo superando queste forme di discriminazione sarà possibile fare del turismo una carta vincente per coniugare opportunamente la gestione della vita del turista con la garanzia della qualità di vita per i residenti”.
SS/GIORNATA MONDIALE TURISMO/BERTONE     VIS 20070927 (420)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: