TESTIMONI MORTE E NUOVA VITA DI CRISTO

CITTA’ DEL VATICANO, 11 APR. 2007 (VIS). Oltre 50.000 persone hanno partecipato, questa mattina, in Piazza San Pietro, all’Udienza Generale odierna. Il Papa che ha raggiunto la Piazza in elicottero proveniente da Castel Gandolfo, ha dedicato la catechesi al tempo pasquale.

  Rinnovando ai fedeli gli auguri di Pasqua, Benedetto XVI ha parlato delle diverse apparizioni di Gesù dopo la Risurrezione, apparizioni che costituiscono “anche per noi un invito ad approfondire il messaggio della Pasqua” e “ci stimolano a ripercorrere l’itinerario spirituale di quanti hanno incontrato Cristo e lo hanno riconosciuto in quei primi giorni dopo gli eventi pasquali”.

  “L’Evangelista Giovanni” – ha ricordato il Pontefice – “narra che Pietro e lui stesso, udita la notizia data da Maria Maddalena, erano corsi, quasi a gara, verso il sepolcro (cfr Gv 20, 3s). I Padri della Chiesa hanno visto in questo loro rapido affrettarsi verso la tomba vuota un’esortazione a quell’unica competizione legittima tra credenti: la gara nella ricerca di Cristo. E che dire di Maria Maddalena? Piangente resta accanto alla tomba vuota con l’unico desiderio di sapere dove abbiano portato il suo Maestro. Lo ritrova e lo riconosce quando viene da Lui chiamata per nome”.

  “Anche noi, se cerchiamo il Signore con animo semplice e sincero, lo incontreremo, anzi sarà Lui stesso a venirci incontro; si farà riconoscere, ci chiamerà per nome, ci farà cioè entrare nell’intimità del suo amore”.

  “Quest’oggi, Mercoledì fra l’Ottava di Pasqua, la liturgia ci fa meditare su un altro singolare incontro del Risorto, quello con i due discepoli di Emmaus. (…) Avevano il Cristo alla loro tavola, noi lo abbiamo nella nostra anima! (…) Cari fratelli e sorelle, anche noi, come Maria Maddalena, Tommaso e gli altri apostoli, siamo chiamati ad essere testimoni della morte e risurrezione di Cristo. Non possiamo conservare per noi la grande notizia. Dobbiamo recarla al mondo intero”.

 Se gli Apostoli hanno il Cristo alla loro tavola, ha detto il Pontefice ricordando la cena di Emmaus, “noi lo abbiamo nella nostra anima. (…) Nel prologo degli Atti degli Apostoli, San Luca afferma che il Signore risorto ‘si mostrò (agli apostoli) vivo, dopo la sua passione (…). Quando l’autore sacro dice che ‘si mostrò vivo’ non vuole dire che Gesù fece ritorno alla vita di prima, come Lazzaro. La Pasqua che noi celebriamo, (…), significa ‘passaggio’ e non ‘ritorno’, perchè Gesù non è tornato nella situazione precedente, ma ‘ha varcato una frontiera verso una condizione più gloriosa, nuova e definitiva”.

 “A Maria Maddalena il Signore aveva detto: ‘Non trattenermi, perché non sono ancora salito al Padre’. (Gv 20,17). Un’espressione che ci sorprende, soprattutto se confrontata con quanto invece avviene con l’incredulo Tommaso. Lì, nel Cenacolo, fu il Risorto stesso a presentare le mani e il costato all’Apostolo perché li toccasse e da questo traesse la certezza che era proprio Lui (cfr Gv 20,27). In realtà, i due episodi non sono in contrasto; al contrario, l’uno aiuta a comprendere l’altro. Maria Maddalena vorrebbe riavere il suo Maestro come prima, ritenendo la croce un drammatico ricordo da dimenticare. Ormai però non c’è più posto per un rapporto con il Risorto che sia meramente umano. Per incontrarlo non bisogna tornare indietro, ma porsi in modo nuovo in relazione con Lui: bisogna andare avanti”. Gesù mostra a Tommaso le sue ferite “non per dimenticare la croce, ma per renderla anche nel futuro indimenticabile (…). Compito del discepolo è di testimoniare la morte e la risurrezione del suo Maestro e la sua vita nuova”.
AG/RISURREZIONE/…                            VIS 20070411 (590)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: