EUCARISTIA FONTE DELLA GIOIA CRISTIANA

CITTA’ DEL VATICANO, 18 MAR. 2007 (VIS). Alle ore 12:00 di questa mattina, di ritorno dall’Istituto Penale per Minori “Casal del Marmo” di Roma, il Santo Padre Benedetto XVI si è affacciato alla finestra del suo studio nel Palazzo Apostolico Vaticano per recitare l’Angelus con i fedeli ed i pellegrini convenuti in Piazza San Pietro.
 
  “Oggi la liturgia ci invita a rallegrarci” – ha detto il Papa – “perché si avvicina la Pasqua, il giorno della vittoria di Cristo sul peccato e sulla morte. Ma dove si trova la sorgente della gioia cristiana se non nell’Eucaristia, che Cristo ci ha lasciato come Cibo spirituale, mentre siamo pellegrini su questa terra? L’Eucaristia alimenta nei credenti di ogni epoca quella letizia profonda, che fa tutt’uno con l’amore e con la pace, e che ha origine dalla comunione con Dio e con i fratelli”.

  “Martedì scorso” – ha ricordato il Pontefice – “è stata presentata l’Esortazione Apostolica postsinodale ‘Sacramentum caritatis’, che ha come tema proprio l’Eucaristia fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa. (…) Nell’Eucaristia Cristo ha voluto donarci il ‘suo’ amore, che lo ha spinto ad offrire sulla croce la vita per noi. Nell’ultima Cena, lavando i piedi ai discepoli, Gesù ci ha lasciato il comandamento dell’amore: ‘Come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri’ (Gv 13,34). Ma poiché questo è possibile solo rimanendo uniti a Lui, come tralci alla vite (cfr Gv 15,1-8), ha scelto di rimanere Egli stesso tra noi nell’Eucaristia perché noi potessimo ‘rimanere in Lui'”.

  “Quando, pertanto, ci nutriamo con fede del suo Corpo e del suo Sangue” – ha continuato il Santo Padre – “il suo amore passa in noi e ci rende capaci a nostra volta di dare la vita per i fratelli (cfr 1 Gv 3,16). Da qui scaturisce la gioia cristiana, la gioia dell’amore”.

  “‘Donna eucaristica’ per eccellenza è Maria” – ha detto infine il Pontefice – “capolavoro della grazia divina: l’amore di Dio l’ha resa immacolata ‘al suo cospetto nella carità’ (cfr Ef 1,4). Accanto a Lei, a custodia del Redentore, Iddio ha posto San Giuseppe, di cui domani celebreremo la solennità liturgica. Invoco particolarmente questo grande Santo perché credendo, celebrando e vivendo con fede il Mistero eucaristico, il Popolo di Dio sia pervaso dall’amore di Cristo e ne diffonda i frutti di gioia e di pace in tutta l’umanità”.
ANG/EUCARISTIA/…                               VIS 20070320 (400)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: